Gatto Norvegese – tutte le informazioni

Se sei alla ricerca di un gatto di razza che sia giocherellone e che ti riempia la vita di affetto sei nel posto giusto: ti racconterò tutto sul maestoso gatto norvegese, detto anche gatto delle foreste norvegesi, e non potrai fare a meno di apprezzare questo splendido felino che è l’ideale da tenere in casa, soprattutto se si possiede un giardino, piccolo o grande che esso si sia.

Gatto Norvegese

Origini del gatto norvegese

Il gatto norvegese, conosciuto anche con il suo nome di origine Norsk Skaukatt che significa Gatto delle Foreste del Nord, nasce nelle gelide contrade della Scandinavia intorno al 1600, ma la sua storia comincia ad essere conosciuta soltanto nel 1800 attraverso storie e canzoni dell’epoca.

Alla fine del Novecento, poi, il gatto norvegese ottenne finalmente i giusti riconoscimenti dalla Fifè, con la classificazione ufficiale della sua razza.

Le leggende che ruotano attorno alla sua nascita sono variegate e piene di fascino.

La più accreditata vede legata la vita del gatto norvegese a quelle dei vichinghi, i quali gli conferivano addirittura una certa sacralità e lo portavano sempre nei loro viaggi in mare per contrastare il fastidioso proliferare dei topi.

Più fantasiose e ricche di mistero sono le storie che si raccontano sull’origine di questa splendida razza e che lo vedono legato ad un cultura elfica: si narra che il gatto norvegese avesse dei poteri magici!

I miti sul gatto norvegese non si fermano qui e lo associano anche alla figura degli dei. Alcuni lo descrivono mentre siede accanto alla dea Freja, la divinità dell’amore e della fertilità, che lo portava con sé nel suo carro alla ricerca del suo compagno Óðr. Altri, invece, raccontano le prodezze del dio Thor e tra di esse si narra che una delle sue più importanti prove di forza consistesse proprio nel sollevare uno di questi maestosi felini.

Tra leggende e miti il gatto norvegese affascina da tempo gli amanti dei gatti non soltanto per il suo aspetto possente ma anche per le caratteristiche del suo nobile carattere.

Le caratteristiche del gatto norvegese

Il gatto norvegese non è un animale che passa inosservato: pelo folto e morbidissimo, ossatura robusta, zampe di un certo spessore, cosa lunga e pelosissima e sguardo penetrante alla quale non potrai resistere! I suoi grandi e profondi occhi gialli o verdi ti scrutano con curiosità e fanno intravedere la voglia insaziabile di gioco e coccole, caratteristici di questa razza.

Il gatto norvegese ha le orecchie abbastanza grandi e anch’esse folte di pelo: la pelliccia di questo felino è una delle sue peculiarità più ammirate perché lo rende maestoso e possente. Il pelo è molto liscio e lucido e si infittisce nella zona sotto il collo, dando quasi la sensazione di trovarsi di fronte alla criniera di un leone dall’aspetto più docile e mansueto.

Una curiosità intorno alla sua pelliccia riguarda l’aspetto impermeabile: se bagnato si asciuga con tale rapidità da far pensare che l’acqua neanche lo sfiori!

I colori del suo pelo sono varianti ma non includono colorazioni quali il point, cioè le parti più scure, il chocolate, il cinnamon.

Il peso del gatto norvegese cambia a seconda del sesso: i maschi possono pesare fino a 8 chili mentre le femmine fino a 5 chili.

Un’altra differenza che si nota nei gatti norvegesi è legata alle stagioni, in quanto durante l’inverno il loro pelo subisce un ulteriore allungamento di circa 10 centimetri, mentre si riduce notevolmente durante le stagioni più calde, per la perdita incessante di pelo.

Il carattere del gatto norvegese

Docile, giocherellone, socievole ma indipendente: non pensare di tenerlo chiuso tra quattro mura! Il gatto norvegese ama gli spazi aperti e la natura, arrampicarsi sugli alberi e scendere a testa in giù con una rapidità incredibile.

Pensare a lui come ad un gatto selvaggio, aggressivo e solitario non gli si addice proprio, perché si affeziona molto facilmente alle persone con cui vive e gli piace correre e giocare ininterrottamente, soprattutto quando è ancora un cucciolo.

Per questo se hai dei bambini stai facendo la scelta giusta: sarà per loro un grande compagno di giochi. Intelligente e attento, non gli sfugge niente di quello che succede intorno a lui.

Particolarmente silenzioso, i suoi miagolii sono rari e si enfatizzano soltanto nel periodo del calore. Una curiosità: il gatto norvegese ama giocare con l’acqua!

Il gatto norvegese: le cure

Il gatto norvegese non necessita di cure specifiche nonostante la pelliccia abbastanza folta.

Per mantenere la morbidezza del suo pelo semi-lungo è solo buona norma spazzolarlo almeno una volta a settimana, districando gli eventuali nodi ed evitare di fargli ingoiare palle di pelo.

Spazzolate più frequenti sono consigliabili durante l’estate perché, inevitabilmente, perde più pelo.

Prezzi e allevamenti

Il gatto norvegese delle foreste entrò a far parte di un allevamento solo nel 1973 grazie all’amore di una coppia, Pippa e Truls, che nel giro di qualche anno assistettero alla prima cucciolata pura.

Oggi, che il gatto è diventato di razza pregiata e raffinata, esistono diversi allevamenti che si occupano di loro, dall’accoppiamento alla nascita e all’adozione, dandogli tutte le cure necessarie.

Adottare la qualità di una razza pura come quella del gatto norvegese significa anche spendere una cifra non indifferente che si aggira intorno ai mille euro, con un prezzo base che parte da 700 euro.

Conclusione

Se vuoi condividere momenti di affetto e di gioco con il tuo piccolo amico a quattro zampe non temere: il gatto norvegese dalle origini scandinave non deluderà le tue aspettative e renderà le tue giornate ancora più piacevoli!